Buone notizie formato supposta

Suppost-it

«Dear World», il libro di Bana l’Anna Frank siriana

Scritto da in Infanzia

La chiamano l’Anna Frank di Aleppo, Bana Alabed la bambina siriana di otto anni che è diventata famosa in tutto il mondo raccontando sull’account Twitter della madre gli orrori della guerra su Aleppo. Dopo essere riuscita a fuggire in Turchia dalla capitale siriana insieme alla famiglia, giovedì scorso Bana ha pubblicato il suo primo libro dal titolo «Dear World» che descrive i bombardamenti e la… Leggi tutto »

Il primo ospedale siriano che funziona col sole

Scritto da in Ambiente

Il primo ospedale funzionante ad energia solare è stato inaugurato in Siria proprio pochi giorni fa, dopo mesi di sperimentazione. Dopo sei anni di guerra civile, infatti, la maggior parte delle infrastrutture elettriche sono state bombardate, smantellate o distrutte e la situazione è particolarmente critica per le strutture sanitarie che possono contare solamente su generatori a diesel, il cui rifornimento però in queste zone non è affatto scontato. Ecco… Leggi tutto »

Rapper contro la paura

Scritto da in Internazionale

Diciannove anni, cappellino all’indietro e il volto da ribelle. Tammam, giovane siriano e aspirante rapper, nel febbraio 2016 si trasferisce dalla sua città natale a Hama, nell’area non governativa. «Era una zona sconosciuta, non sapevi chi la controllava… Non si faceva altro che chiedere pietà alle persone, a Dio, a tutti» racconta al giornalista David Alexander. Poi Tammam con la sua famiglia riesce ad arrivare in Grecia attraverso un viaggio… Leggi tutto »

Sposarsi a 13 anni? Omaima non ci sta

Scritto da in Infanzia

Omaima Hoshan è solo una ragazzina di 14 anni, ma ha già ben chiaro da che parte stare. La giovanissima siriana – che dal 2012 abita nel campo profughi di Zaatari, in Giordania – si sta impegnando anima e corpo in una campagna contro le spose bambine. La pratica del matrimonio precoce per le ragazze siriane rifugiate infatti è diventata la normalità, nonostante la legislazione giordana formalmente… Leggi tutto »

Yusra Mardini: una bracciata verso Rio

Scritto da in Internazionale

Dalla Siria a Rio. È il sogno di Yusra Mardini, 18 anni che – una bracciata dopo l’altra – spera di arrivare ai Giochi olimpici brasiliani. La ragazza l’anno scorso è scappata insieme alla famiglia a Berlino, dove oggi si sta allenando in attesa di una chiamata dal Comitato olimpico internazionale. Il desiderio di Yusra non è per niente utopia: infatti quest’anno il Cio ha stanziato… Leggi tutto »

Libano: Angelina Jolie visita i profughi

Scritto da in Internazionale

Per commemorare i cinque tragici anni trascorsi dall’inizio della guerra civile in Siria, anche l’attrice Angelina Jolie – notoriamente impegnata nella salvaguardia dei diritti umani – ha fatto visita nei giorni scorsi ai rifugiati in Libano. Nelle vesti di inviato speciale dell’alto commissariato delle nazioni unite per i rifugiati (UNHCR), ha incontrato famiglie siriane alloggiate nella Valle di Bekaa, ad est del Paese. Accolta all’aeroporto… Leggi tutto »

La scuola che aiuta i siriani, una sedia alla volta

Scritto da in Infanzia, Internazionale

Lei ci mette la classe, loro le sedie. È un progetto non programmato, lanciato quasi per caso da Maha Salim Al-Ashqar, che da dieci anni fa la preside di una scuola nei sobborghi di Amman, in Giordania. Quando – dopo lo scoppio della guerra in Siria – molte famiglie con bambini si sono rifugiate in questi territori, le scuole si sono riempite di alunni e… Leggi tutto »

Vision not Victim: il futuro delle bambine in uno scatto

Scritto da in Infanzia

Sognano in grande le bambine siriane rifugiate in Giordania. Perché, anche se a soli dieci anni hanno conosciuto l’orrore della guerra, queste ragazze credono ancora di potere migliorare il proprio Paese. E come? Ognuna ha la sua strategia che racconta alla fotografa Meredith Hutchison, la donna che nel 2013 ha dato il via al progetto «Vision not Victim» proprio per incentivare le ragazzine del mondo… Leggi tutto »