Buone notizie formato supposta

Suppost-it

Mosul: un prof per la rinascita della biblioteca

Scritto da in Internazionale

Si trovano con tante macerie e molto da ricostruire, ma gli abitanti di Mosul – la città scelta dall’ISIS come centro del califfato in terra irachena dal 2014 e liberata solo un mese fa – vogliono ricominciare dalla cultura. Larga parte delle strutture sacre, moschee, monasteri, musei così come la città universitaria è stata rasa al suolo dalle truppe dell’ISIS con l’intento di instaurare un… Leggi tutto »

Medaglia al coraggio per il robot delle ragazze afgane

Scritto da in Internazionale

«Vogliamo mostrare al mondo la nostra competenza» dichiaravano qualche settimana fa sei ragazze afgane specializzate in ingegneria e le teenager lo hanno fatto. Martedì scorso infatti un gruppi di quattordicenni provenienti dalle zone rurali dell’Afghanistan hanno ottenuto la medaglia d’argento alla competizione tecnologica «FIRST Global Challenge» di Washington per il prototipo di un robot progettato e costruito per raccogliere palle blu e arancioni in scatole separate…. Leggi tutto »

Vacanze da Mille e una notte in Iran

Scritto da in Internazionale

Fra poco pure la vacanza in Iran sarà mainstream. A dirlo sono i numeri svelati dalle autorità di Teheran che raccontano un settore turistico in ottima salute, che soltanto negli ultimi tre anni ha registrato la presenza di ben 20 milioni di visitatori dall’estero, per un giro d’affari di 32 miliardi di dollari. Dopo il riavvicinamento dei rapporti con l’Occidente e l’elezione di Hassan Rouhani –… Leggi tutto »

Gli immigrati latini contro Trump, con un’app

Scritto da in Internazionale

Di fronte alle prese di posizione del presidente Donald Trump nei confronti del fenomeno migratorio, anche la tecnologia ha deciso di scendere affianco a rifugiati e stranieri. Un programmatore di software dell’Arizona, Celso Mirelas, sta lavorando infatti proprio su un’app per avvisare gli immigrati senza documenti di lingua spagnola che abitano degli Stati Uniti dell’arrivo di un raid anti-immigrazione. «RedadAlertas» – la cui nascita sarà possibile solo… Leggi tutto »

Le svedesi cancellano il nome per ispirare le donne

Scritto da in Internazionale

Quando scendono in campo, i riflettori sono tutti puntati su di loro ma le calciatrici della nazionale femminile della Svezia hanno deciso di sfruttare i loro 90 minuti di popolarità per motivare le donne di tutto il mondo. Settimana scorsa dunque, le atlete che si sono classificate seconde ai Giochi olimpici di Rio hanno sostituito la vecchia divisa: la novità è che al posto del cognome identificativo sulla schiena,… Leggi tutto »

A Mosul arrivano truppe… di archeologi

Scritto da in Internazionale

Mentre si consuma la battaglia per la presa di Mosul tra le forze irachene e le milizie dello Stato islamico, in campo per la conquista della roccaforte dell’Isis in Iraq scendono anche truppe di archeologi. Cinquanta esperti internazionali stanno frequentando un corso al British Museum di Londra, specializzato nello studio di reperti iracheni, con l’intenzione di preparare un piano per salvare dalla distruzione il patrimonio artistico della… Leggi tutto »

Croazia: 100mila libri per cominciare l’anno

Scritto da in Internazionale

Non c’è niente di meglio che cominciare il nuovo anno con un buon libro. Lo sa bene la Croazia che a partire dall’ultimo mese del 2016 ha messo a disposizione di tutti i residenti libri per tutti i gusti in formato elettronico. Il progetto di costruire una «free zone» dedicata alla lettura su Internet è stato realizzato da vari enti che vogliono promuovere la cultura nel Paese…. Leggi tutto »

Due giorni per fare una coperta: l’idea dell’imprenditrice etiope

Scritto da in Internazionale

La versione 2.0 della coperta in gabi, il tessuto tradizionale etiope, l’ha inventata Amelsa Yazew, imprenditrice nazionale che ha deciso di specializzarsi nella realizzazione di trapuntini per bambini. Nelle sedi di Little Gabies, nome del marchio, si producono coperte fatte a mano e completamente biologiche che vengono vendute nei negozi per neonati di Addis Abeba. Per essere commercializzate i piccoli gabi – che sostanzialmente somigliano a… Leggi tutto »