Perché l’attivismo aziendale conviene

Scritto da in Sociale

Mobilitarsi contro l’odio sociale e il razzismo non è solo una scelta etica, ma anche un modo per aumentare i propri profitti. Lo dimostra uno studio del World Economic Forum che ha scoperto che i consumatori chiedono che i marchi si presentino come agenti di cambiamento e di crescita per la società. L’attivismo aziendale funziona in tutti i settori, ma soprattutto in quello tecnologico. Più della metà dei millenials si aspettano per esempio che i dirigenti delle multinazionali facciano passi avanti sulle questioni sociali più urgenti del secolo: e questa richiesta è molto più diffusa rispetto ai consumatori di ieri. Il 74 per cento dei giovani con meno di 36 anni ha comprato un certo prodotto anche per aver saputo di un’azione di giustizia sociale da parte del CEO di quell’azienda. Inoltre con questo sistema i dipendenti potrebbero sentirsi più legati alla missione del proprio capo e dunque anche maggiormente impegnati nel proprio lavoro. Alla luce di questi dati, molte aziende offrono già servizi gratuiti a organizzazioni che combattono razzismo e discriminazione ma questo atteggiamento da parte dei grandi marchi è destinato fare tendenza.