Un giardino delle meraviglie contro l’Alzheimer

Scritto da in Salute

Piante, fiori e frutti diventano sempre più spesso il gruppo di terapia migliore per la salute di persone affette da varie patologie. L’ultima applicazione della tecnica del «giardino» alla malattia è proposta dall’associazione Alzheimer di Asti che mette in pratica quanto dice la ricerca: ovvero che odori, suoni e colori della natura sono stimoli che calmano e migliorano l’umore di chi è affetto da questo tipo di demenza. Lo spazio – che prevede anche un’area per l’ortoterapia – si chiamerà «giardino delle meraviglie» e sorgerà all’estero del’ASL della città che ospita il dipartimento di salute mentale, l’unità valutativa Alzheimer e l’associazione Alzheimer. Il progetto è stato messo a punto dall’architetto Simona Straforini che ha studiato un percorso per evitare la tendenza a girovagare o a perdersi. Ci saranno dunque sostegni, punti  di riferimento, aiuole con stimoli sensoriali per il rilassamento e panchine per favorire la calma. Per realizzare il progetto mancano ancora dei fondi (si possono fare delle donazioni) ma anche arbusti e competenze per piantarli.