Crimine e disastri ambientali spiegati al museo

Scritto da in Ambiente

Quattrocento metri quadrati soltanto per raccontare i danni ambientali tipici dell’Europa intera. È la sfida del nuovo Muso Ambiente e Crimine (MACRI) inaugurato a Roma pochi giorni fa presso il Bioparco della capitale per volontà del Comando Unità Tutela Forestale Ambientale e Agroalimentare Carabinieri (Cutfaa). L’obbiettivo è sensibilizzare sui fattori che deturpano i territori, dagli incendi all’inquinamento passando per il bracconaggio e la caccia illegale. Con schermi touch e teche all’avanguardia, il MACRI propone un percorso attraverso i rischi che corre la natura nella nostra era, illustrando infine le procedure che lo Stato promuove per contrastare certe pratiche e proponendo stili di vita sostenibili. Anche il Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina ha spiegato durante il taglio del nastro: «Dobbiamo far capire sempre di più che la biodiversità di cui disponiamo è una grande responsabilità per tutti».