Andare bene agli esami: ecco come

Scritto da in Curiosità

In panico per la sessione d’esami? Chiudete i libri e mettetevi a dormire… Il consiglio non lo danno genitori esasperati dall’ansia dei figli bensì degli scienziati americani che sulla rivista Scientific Reports hanno pubblicato uno studio proprio sugli studenti di Harvard di Boston. Secondo gli esperti, i voti degli esami non dipendono soltanto dalla preparazione del candidato ma anche dal sonno e precisamente dalla regolarità con cui va a letto ogni notte. Misurando l’orario in cui si addormentano e si svegliano per il periodo precedente all’esame, è stato dimostrato che gli universitari con orari più regolari prendono anche i voti migliori. Il motivo non è soltanto della qualità del sonno che senz’altro aumenta quando c’è regolarità, ma anche dell’ormone del dolce dormire, la melatonina, i cui livelli appaiono scombussolati in chi non rispetta sempre i medesimo orari del sonno. Il risultato è che per chi ha un sonno irregolare (anche se dorme di più di un collega) diventa davvero difficile dare il massimo durante l’esame. Il consiglio dei medici non poteva essere migliore: andare a nanna e svegliarsi sempre alla stessa ora, ma anche evitare la luce artificiale nelle 24 ore precedenti la prova esponendosi invece al sole.