La prima cucina fatta di plastica

Scritto da in Ambiente

KUNGSBACKA. Non è una parolaccia, ma il nome di battesimo della prima cucina sostenibile firmata dall’azienda di arredamento Ikea che ha costruito pensili e piano d’appoggio con bottiglie di plastica riciclata. Si tratta di una cucina rivestita da una speciale lamina di plastica fatta da legno riciclato e bottiglie PET, un materiale studiato per due anni dalla società italiana 3B Spa e che da ieri è visibile nei negozi di tutto il mondo della catena svedese. La lamina speciale innanzitutto permette di salvare le bottiglie dalla discarica (o peggio, dalla dispersione nell’ambiente), dall’altro sostituisce il petrolio nella “ricetta” tradizionale del rivestimento di ante e cassetti. Un bel risparmio se si pensa che per ricoprire un frontale da cucina servono circa 25 bottiglie da mezzo litro… Ecco perché la svolta verso la sostenibilità potrebbe presto coinvolgere altri mobili della celebre azienda scandinava e magari essere imitata anche da altri grandi marchi.