In Groenlandia i fossili più antichi mai ritrovati

Scritto da in Ambiente

La vita sulla terra potrebbe essere più vecchia di quello che pensiamo. A rivelarlo sono minuscoli fossili rivenuti a Isua, regione della Groenlandia considerata la più vecchia porzione di crosta terrestre, che, secondo la rivista Nature, sarebbero i più antichi mai identificati sul nostro pianeta. Le formazioni sedimentarie ritrovate infatti risalgono secondo le analisi a 3,7 miliardi di anni fa e dunque le «stromatoliti» – come sono chiamate in gergo tecnico – composte da organismi unicellulari spostano la data della nascita delle prime forme di vite sulla Terra indietro di 220 milioni di anni rispetto a quanto creduto finora. I fossili più vecchi fino ad oggi, infatti, erano stati ritrovati in Australia occidentale e datati a “soli” 3,5 miliardi di anni fa. L’operazione di ricerca (e scoperta!) dei fossili si deve ad un gruppo di studiosi dell’Università Nazionale Australiana a Wollongong, guidati da Allen Nutman. Incastonati negli «stromatoliti», il team ha trovato segni di quelli che potrebbero essere i più antichi microrganismi mai scoperti, che devono essere rimasti intrappolati nelle formazioni rocciose sottoposte ad alte temperature e pressioni.