«Ci sono persone che non ricevono cure mediche: non posso voltare loro le spalle»

Scritto da in Salute

 

Tomonori Kiyoyama è un medico giapponese di 34 anni, laureato all’Università di Tokyo in una facoltà considerata tra le più prestigiose del Paese e – durante gli anni accademici – si è trasferito per un periodo a studiare a New York. Al curriculum del giovane Kiyoyama, insomma, non manca nessun ingrediente necessario a realizzare una brillante carriera in uno dei migliori ospedali del Giappone. Ma il dottore per sé ha in mente tutto un altro piano. Nel 2009  – infatti – l’allora studente negli Stati Uniti lesse un articolo che sottolineava la mancanza di medici nella regione di Miyazaki, una prefettura giapponese poco popolata della quale Kiyoyama è originario. In meno di due anni dunque, il giovane è rientrato a casa e ha deciso di intraprendere la carriera politica per varare misure capaci di rendere più appetibili ai giovani laureati gli ospedali della zona e garantire così cure mediche a tutti gli abitanti. Partendo da un’esperienza politica nulla, le speranze d’elezione per Kiyoyama non erano certo molte, eppure il dottore riuscì nell’aprile 2011 a conquistarsi un seggio nell’assemblea della prefettura di Miyazaki. In questi cinque anni il medico – che durante il weekend lavora ancora nell’ospedale locale – si è battuto per cercare di aumentare il numero di stagisti negli ospedali della contea ad almeno 90 l’anno, strizzando l’occhio agli aspiranti medici con programmi di cura all’avanguardia. «Ci sono persone che non possono ricevere cure a causa della mancanza di dottori – ribadisce spesso Kiyoyama – e io come medico non posso voltare loro le spalle».