Cake design: impararlo nella lingua dei segni

Scritto da in Cucina, Sociale

A Roma, il 12 marzo, inizia un corso di cake design in lingua dei segni. L’idea nasce da Anna Manfredi, una donna non udente appassionata di pasticceria che ha deciso di condividere con altri la sua abilità. La donna, infatti, che ha frequentato la scuola d’arte, negli ultimi anni è stata iniziata alla tecnica della decorazione delle torte da un’amica udente che l’ha convinta a entrare nel suo mondo. «All’inizio è stata una strada tutta in salita – ha dichiarato – perché ho trovato delle difficoltà prima di conoscere bene i trucchi del mestiere». Con determinazione e tenacia, però, Anna ha raggiunto un’ottima manualità nel cake design tanto che dal 2011 ha iniziato a tenere dei corsi base per altri sordi nella lingua dei segni in diverse città d’Italia. «Nel mondo dei sordi il passaparola va veloce e sono stata chiamata in moltissimi comuni. Questo mi rende felice, soprattutto perché vedo che i miei allievi alla fine del corso sono in grado autonomamente di modellare e decorare con la pasta da zucchero le torte» – ha detto Anna, che sabato inaugura nella capitale (e il 19 marzo a Ravenna) un laboratorio edizione limitata per imparare (per tempo) a decorare le uova di Pasqua.