Giubileo straordinario: il Papa mette il barcone nel presepe

Scritto da in Cronaca

Il Giubileo che papa Francesco ha aperto ufficialmente oggi in piazza San Pietro è davvero straordinario, non solo per il nome. Infatti il pontefice ha da subito dato all’anno santo una connotazione speciale, molto legata alla periferia piuttosto che ai centri di potere. Non è un caso che proprio lui sia stato il primo papa ad aver aperto la porta santa a Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana, lontano dai portoni bronzei di San Pietro. Ma tra le iniziative per gli ultimi che Francesco ha organizzato in occasione del giubileo della misericordia c’è anche l’idea di dedicare il tradizionale albero di Natale e il presepe allestiti nella basilica inferiore di San Francesco in Assisi ai profughi. Domenica scorsa infatti ben 31 migranti hanno assistito al collegamento da Roma del papa, il quale ha acceso l’albero e ha benedetto quel presepe straordinario: tra le statuine di cartapesta infatti quest’anno c’è anche un barcone vero. Lo scafo è sopravvissuto alle onde del Mediterraneo insieme a nove uomini che hanno raggiunto le coste di Lampedusa; ma non a tutti è toccata questa sorte: ecco perché la barca messa accanto alla mangiatoia trasforma il presepio in qualcosa di molto più attuale rispetto a uno sterile baluardo culturale della festa di Natale.