La Gioconda? Meglio toccarla con mano

Scritto da in Sociale

Chi ha detto che un Caravaggio bisogna vederlo? Al Prado, storico museo di Madrid, da tre settimane l’arte preferiscono toccarla con mano. Il merito è della mostra Hoy toca el Prado, organizzata dall’istituzione spagnola insieme all’organizzazione non governativa Organización nacional ciegos españoles: per la prima volta qui persone non vedenti (ma anche normodotate) potranno «osservare» le opere con tutti i sensi. All’esperimento si sono prestati sei famosissimi quadri che sono stati stampati in 3D su tavole spesse al massimo 6 mm, poi lasciate a portata di mano del visitatore. Un’audioguida indica dove tastare per comprendere e interpretare bene i capolavori. Tra le opere selezionate per l’esposizione del Prado, c’è l’autoctono Goya, l’adottato El Greco (in foto), ma anche i nostrani Correggio e Leonardo da Vinci con la sua Gioconda: un patrimonio da ammirare con gli occhi chiusi e a bocca aperta.

Fonte: IlPost