Cartoni animati tutti da piangere

Scritto da in Cinema

Chi ha detto che i cartoni animati sono roba per bambini? Ne esistono alcuni capaci di far piangere persino gli adulti dal fegato più duro… Per fortuna finalmente qualcuno ha pensato di catalogarli secondo il grado di “tristezza” per mettere in guardia l’eventuale spettatore (piccolo o grande che sia) del guaio in cui si sta per cacciare. Si è cimentato nell’impresa il giornalista americano Shea Serrano che ha analizzato sia pellicole storiche anni Ottanta sia film d’animazione piuttosto recenti (e quindi realizzati con le nuove tecniche digitali). Sul podio dei cartoni più tristi c’è il cartone della Pixar Up, che nei primi 4 minuti e 18 secondi condensa il massimo del magone, seguito a ruota da Alla ricerca di Nemo riedizione della vecchia storia strappalacrime del figlio perso e ritrovato. Sorpassano meritatamente il 50% di tristezza anche Pinocchio, Alla ricerca della Valle incantata, Il gobbo di Notre Dame e Il re Leone. Deludono invece Bambi, Cenerentola e La Bella e la Bestia. Tutto da rifare per Ralph Spaccatutto e Red e Toby che totalizzano solo un 6 e un 8% di infelicità: praticamente un punteggio da ridere.

Fonte: IlPost